Ku Klux Klan dà fuoco a una ragazza afroamericana

L'aggressione è avvenuta in Louisiana: la vittima, di soli 20 anni, ha ustioni gravissime sul 60% del corpo

Sharmeka Moffitt, la vittima dell'aggressione

Sharmeka Moffitt, la vittima dell'aggressione

WINNSBORO – Si pensava che il Ku Klux Klan fosse ormai una realtà del passato, e invece la cronaca lo ha riportato alla ribalta: una ragazza afroamericana è stata aggredita in Louisiana da tre militanti del gruppo, che l’hanno accerchiata e le hanno dato fuoco. Il tutto è avvenuto in pochi minuti, domenica sera, nei pressi di un parco di Winnsboro: Sharmeka Moffitt, 20 anni, ha raccontato di essere staata circondata da tre uomini “con cappucci” bianchi, che le avrebbero versato addosso del liquido infiammabile per poi appiccare l’incendio. Riuscita per miracolo a chiamare i soccorsi, la ragazza si trova al momento in gravissime condizioni, con ustioni di del quarto grado su oltre il 60% del suo corpo. L’Fbi ha trovato la presunta “firma” all’azione criminale: una triplice K incisa sull’auto della vittima. Nessuna telecamera ha ripreso l’aggressione, e al momento non vi sono testimoni.

Media
  • Sharmeka Moffitt, la vittima dell'aggressione
    Sharmeka Moffitt, la vittima...
comments powered by Disqus