Veltroni lascia: "Non mi ricandido al parlamento"

L'ex sindaco di Roma: "Non è un cedimento alla rottamazione, non è l'anagrafe a fare la buona politica"

Walter Veltroni

Walter Veltroni

ROMA - Walter Veltroni ha annunciato a "Che tempo che fa", nella registrazione della puntata che andrà in onda stasera, che non si ricandiderà per un seggio alla Camera alle prossime elezioni politiche. L'ex sindaco di Roma ha detto che non "si tratta di un cedimento alla rottamazione". E ha aggiunto: "Non è l'anagrafe a fare la buona politica. Con questi criteri uscirebbero dal Parlamento personalità importanti per la vita del Paese, di cui tutti quanti abbiamo bisogno". E ricorda: "Nel 2006 dissi che, una volta conclusa la mia esperienza di sindaco, avrei smesso di fare la politica professionalmente. Dopo di che mi è stato chiesto di fare il candidato alla presidenza del Consiglio. Poi nel 2009 ho deciso di dimettermi ed erano dimissioni vere".  "La decisione - ha detto Veltroni - è stata presa parlando con mia moglie e le mie figlie". Ma ha aggiunto che farà "campagna elettorale a testa bassa per il Pd". Ha concluso Veltroni: "Si parla molto di Bindi e D'Alema, ma non si dice che con la rottamazione non entrerebbero persone come Enrico Morando, Pier Luigi Castagnetti o Arturo Parisi. Persone che hanno fatto del bene al Parlamento". Per la verità Veltroni forse non sa che Pier Luigi Castagnetti ha già rinunciato a candidarsi alla prossima legislatura. 

Media
  • Walter Veltroni
    Walter Veltroni
comments powered by Disqus