Bibbiano: perseguita l'ex moglie, stalker nei guai

Gli è stato impedito di avvicinarsi a casa e posto di lavoro della donna, tormentata per oltre un anno

Dopo la fine del matrimonio, aveva iniziato a perseguitare l'ex moglie

Dopo la fine del matrimonio, aveva iniziato a perseguitare l'ex moglie

BIBBIANO (Reggio Emilia) – Il loro matrimonio era giunto al capolinea, e marito e moglie avevano deciso di separarsi. Ma la donna, una 38enne di Bibbiano, non avrebbe potuto immaginare che l’incubo sarebbe iniziato dopo la fine del suo rapporto: un incubo sfociato in diverse denunce, fatto di preservativi infilati nella cassetta delle lettere, di posta rubata, di telefonate a tutte le ore, di messaggi offensivi, di pedinamenti continui. Tutti episodi di cui sarebbe colpevole l’ex marito, un 36enne ora residente a Reggio Emilia. Ogni volta, la donna aveva denunciato l’accaduto ai carabinieri, ma la persecuzione non si era arrestata, tanto da farla vivere in un perenne stato d’ansia per sé e per la figlia, e da costringerla a limitare al massimo le uscite.
Il sostituto procuratore Maria Rita Pantani ha chiesto e ottenuto dal gip Giovanni Ghini che allo stalker fosse impedito di avvicinarsi all’abitazione e al posto di lavoro della ex moglie, oltre che di comunicare in alcun modo con lei. Il provvedimento è stato notificato all’uomo questa mattina: la speranza è che, con questo gesto, l’incubo della sua ex moglie possa finalmente terminare.

Media
  • Dopo la fine del matrimonio, aveva iniziato a perseguitare l'ex moglie
    Dopo la fine del matrimonio, aveva...
comments powered by Disqus