Reggio Emilia Fiere, allarme rosso: è crisi nera per l'ente

Cgil: "A rischio posti di lavoro". In vista tagli, kermesse in forse. Lunedì cda, poi nuovo piano industriale

L'ente fiere visto dall'alto

L'ente fiere visto dall'alto

REGGIO EMILIA - Allarme rosso per le Fiere di Reggio. Lunedì pomeriggio si riunirà il consiglio di amministrazione per affrontare tutti gli aspetti della crisi tra bilancio, problemi con i fornitori e con i sindacati. Il rilancio passerà necessariamente da una politica di tagli e razionalizzazione. Non sono escluse rinunce anche dolorose a manifestazioni storiche per i reggiani. Il piano industriale sarà illustrato a stampa e addetti ai lavori martedì mattina, nel corso della presentazione di Casa & Tavola, l'appuntamento più importante. Nessun commento ufficiale, per ora, arriva dai vertici dell'ente.

Dario Di Veronico, direttore commerciale dell'ente fiere

Dario Di Veronico, direttore commerciale dell'ente fiere


Indiscrezioni pesanti, quelle anticipate dalla Gazzetta di Reggio, che fanno il paio con l'allarme lanciato dalla Cgil reggiana. Il nostro giornale, fra l'altro, aveva già scritto qualche settimana fa un articolo in cui evidenziava come vi fossero incognite pesanti sul futuro dell'ente. Ora la crisi è evidente. Una grana in più per il nuovo direttore Dario Deveronico, arrivato dalla Ferrari Financial con un compenso annuo che oscilla da 75 a 90 mila euro e che, evidentemente, non è riuscito a raddrizzare con le manifestazioni che si sono tenute l'anno scorso, la situazione di un ente che perdeva circa 100mila euro all'anno nella gestione delle fiere (Siper), senza contare i debiti ereditati da Sofiser, l'ente che gestisce il patrimonio immobiliare dell'ente fiere, che aveva un passivo di 15milioni di euro. Come è noto Siper e Sofiser si sono fuse nella primavera scorsa dato vita Reggio Emilia Fiere srl (il nuovo presidente del Cda è Lisa Ferrarini), ma non sembra che il nuovo soggetto abbia davanti un futuro luminoso. Anzi. Sulla vicenda è intervenuto il sindacato che è molto preoccupato per il futuro dei 15 dipendenti.
Lisa Ferrarini, nuovo presidente di Reggio Emilia Fiere

Lisa Ferrarini, nuovo presidente di Reggio Emilia Fiere


Matteo Alberini, responsabile politiche economiche della Camera del Lavoro, e Luca Marchesini, segretario della Filcams, sono severi: "Le Fiere si stanno avvitando in una crisi di mezi, di idee e di ruolo che corre il rischio di farle soccombere - scrivono in una nota - Manca un disegno strategico da parte soci dopo la fusione tra Siper e Sofiser. Manca un piano industriale e si ripongono troppe speranze sulle opportunità di valorizzazione immobiliare allo sviluppo dell'area nord, mentre il pesante indebitamento non consente di fare i necessari investimenti per riqualificare le strutture ed allargare la rosa delle manifestazioni proposte".

Spettatori interessati sono i 15 dipendenti, i fornitori e i collaboratori. Per loro il sindacato è preoccupato: "La nuova dirigenza tende ad esasperare i rapporti con i collaboratori interni ed esterni, che sino ad ora, con la loro esperienza e professionalità, hanno garantito la continuità operativa. Come se loro fossero il problema e non un pezzo della possibile soluzione. Senza contare l’abbandono da parte di diversi storici fornitori locali che denunciano pesanti crediti inevasi".

Leggi anche: Le fiere non pagano, Cavriago si prende i suoi 464mila euro

Media
  • L'ente fiere visto dall'alto
    L'ente fiere visto dall'alto
  • Dario Di Veronico, direttore commerciale dell'ente fiere
    Dario Di Veronico, direttore commerciale...
  • Lisa Ferrarini, nuovo presidente di Reggio Emilia Fiere
    Lisa Ferrarini, nuovo presidente di...
comments powered by Disqus