Guastalla: neonata nasce morta. Indaga la procura

Sequestrata la cartella clinica, disposta l'autopsia. L'azienda: "Messe in atto tutte le procedure previste"

L'ospedale di Guastalla

L'ospedale di Guastalla

GUASTALLA (Reggio Emilia) - Non ha potuto conoscere il mondo esterno poiché è venuta alla luce già morta. La neonata è deceduta questa mattina nel reparto di Ostetricia e Ginecologia dell’ospedale di Guastalla dopo l’esecuzione di un taglio cesareo in urgenza. A quanto comunicato dall'Ausl reggiana, tutte le manovre di rianimazione neonatale sono risultate vane.
"E’ stata attivata, come da prassi - fanno sapere dall'azienda - una valutazione del percorso clinico-assistenziale e dalle prime ricostruzioni risulta che sono state messe in atto tutte le procedure previste in questi casi dalle linee guida accreditate dalla comunità scientifica. L’autorità giudiziaria ha disposto il sequestro della cartella clinica e l’esecuzione dell’autopsia, dopo che i sanitari avevano già programmato l’esecuzione di riscontro diagnostico per l’accertamento delle cause del decesso".
La natimortalità è purtroppo una tragica evenienza che incide all’incirca per lo 0,3% delle nascite (8° rapporto Cedap anno 2010 - Regione Emilia-Romagna), con dati differenti in base alle diverse zone geografiche e incidenza diversa in base all’età gestazionale (periodo della gravidanza). Considerando la Provincia di Reggio Emilia, dove avvengono mediamente 5mila parti all’anno, il dato atteso è di 15 nati morti.

Media
  • L'ospedale di Guastalla
    L'ospedale di Guastalla
comments powered by Disqus