Filippine, terremoto gigantesco: ponti distrutti

Magnitudo 7,9. Gente in fuga sulla costa: evacuate sei province costiere. Revocato l'allarme tsunami

La mappa del terremoto

La mappa del terremoto

MANILA - Un potente terremoto di magnitudo 7.9 si è verificato al largo delle Filippine. Lo ha reso noto l'istituto geofisico americano Usgs. Il centro di monitoraggio del Pacifico ha lanciato un allerta tsunami (poi revocato) per Indonesia, Filippine, Taiwan, Giappone, Guam, Papua Nuova Guinea. L'ipocentro è stato localizzato a 34.9 km di profondità, in mare aperto a circa 106 km da Guiuan, 175 km da Mindanao e 749 km a sudest di Manila. Il centro vulcanologico delle Filippine ha invitato i residenti sulla costa a spostarsi sulle alture. Le Filippine hanno ordinato l'evacuazione di sei province costiere.  Nelle Filippine il sisma ha "distrutto strade e ponti, la gente è in fuga sulle alture", secondo un parlamentare che ha parlato con la Reuters. Si calcola che Miyakojima, Ishigakijima, Yonagunijima e Iriomotejima, parte dell'arcipelago delle Ryukyu e isole più meridionali della prefettura di Okinawa, dovrebbero essere raggiunte tra meno di 30 minuti dallo tsunami generato dal sisma di 7.9 di magnitudo avvenuto nelle Filippine. Sono le previsioni della Japan Meteorological Agency (Jma), secondo cui l'onda anomala alta fino a 50 cm dovrebbe toccare le isole intorno alle 23.30 locali (le 16.30 in Italia)

Media
  • La mappa del terremoto
    La mappa del terremoto
comments powered by Disqus