Israele, on line i piani dell'attacco all'Iran

di

Un blogger li svela e mette tutto on line. Il piano per mettere fuori uso "Internet, telefoni, radio, tv e le comunicazioni degli edifici strategici per Teheran"

Il presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad

Il presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad

ROMA - Un blogger ha svelato i piani di guerra di Israele contro Teheran proprio nel giorno di Ferragosto. E non è nemmeno uno qualsiasi, ma è l'israelo-americano Richard Silverstein soprannominato il "WikiLeaks di Israele". Secondo l'Assange israeliano quella del suo paese contro l'Iran sarà "un' aggressione coordinata" e con un attacco cibernetico "senza precedenti" che metterà ko in pochi minuti "Internet, i telefoni, la radio, la tv, le comunicazioni satellitari, le connessioni in fibra ottica degli edifici strategici del Paese". In questo modo gli iraniani non sapranno più quello che succede oltre i loro confini. Silverstein ha pubblicato sul suo sito "Tikun Olam" (Riparare il mondo, in ebraico) un estratto del documento. Se il documento è autentico si tratta, ovviamente, del tentativo di qualcuno molto in alto nel governo israeliano di bloccare un attacco contro l'Iran che avrebbe effetti potenzialmente devastanti per gli equilibri nel Medio Oriente
In un primo tempo gli attacchi metterebbero fuori uso l’infrastruttura dell’Iran e le basi missilistiche sotterranee di Khorramabad e Isfahan. Le centrali elettriche, poi – si legge nel dossier "saranno paralizzate grazie a corto circuiti provocati da munizioni in fibra di carbonio più sottili di un capello che di fatto renderanno i trasformatori inutilizzabili". Poi partiranno decine di missili balistici dai sottomarini israeliani posizionati vicino al Golfo Persico. Missili "non dotati di testate convenzionali", precisa il documento, "ma con punte rinforzate, progettate per penetrare in profondità".
Altri missili – questa volta da crociera – "saranno lanciati per mettere ko i sistemi di comando e controllo, di ricerca e sviluppo e le residenze del personale coinvolto nel piano di arricchimento" dell’uranio. "Subito dopo - si legge nel dossier - il nostro satellite di ricognizione TecSar passerà sopra l’Iran per valutare i danni agli obiettivi. Le informazioni saranno trasferite ai nostri aerei in volo" verso Teheran, "velivoli dotati di tecnologia sconosciuta al grande pubblico e anche al nostro alleato americano", "invisibili ai radar" e inviati in Iran per finire il lavoro, "colpendo un elenco ristretto di obiettivi" che hanno bisogno di ulteriori assalti per essere disinnescati definitivamente.

Media
  • Il presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad
    Il presidente iraniano Mahmoud...
comments powered by Disqus