Tentata estorsione, arrestato un terzo cinese

Insieme a tre complici, aveva cercato di farsi consegnare 5000 euro da un commerciante di piazza Marconi, suo connazionale

Zhenchuang Hu

Zhenchuang Hu

REGGIO EMILIA – E’ stato arrestato anche il terzo cinese, presunto responsabile di un tentativo di estorsione assieme ad altre tre persone ai danni di un negoziante di piazza Marconi: si tratta di Zhenchuang Hu, di 29 anni. L’uomo è stato rintracciato nella zona della stazione la scorsa domenica. Il suo arresto si somma a quelli di Zhou Xingsheng, 37 anni, e Hu Jiancheng, 32 anni, avvenuti lo scorso venerdì, mentre è ancora irreperibile il quarto uomo che avrebbe tentato l’estorsione.

I fatti risalgono allo scorso gennaio, quando un ispettore di polizia municipale, entrato in un negozio in zona stazione per fare acquisti, aveva visto quattro individui, cinesi come l’esercente, accanirsi su di lui, danneggiando gli arredi dell'esercizio, urlando frasi incomprensibili dal tono molto minaccioso. 
Dopo aver richiesto l'ausilio di due pattuglie della Volante, le forze dell'ordine erano state assalite dai quattro che, non senza fatica, alla fine erano stati arrestati per resistenza a pubblico ufficiale. Comparsi in tribunale il giorno dopo, gli arresti erano stati convalidati con disposizione di scarcerazione da parte del giudice. Le successive indagini della Mobile avevano comunque evidenziato come i quattro stessero cercando di estorcere al commerciante 5mila euro, come confermato dallo stesso imprenditore in sede di denuncia. Al termine delle investigazioni, gli elementi di prova raccolti dalla polizia e avvallati dal pm Stefania Pigozzi avevano convinto il gip Angela Baraldi a emanare quattro provvedimenti restrittivi in carcere per i malviventi.  

Media
  • Zhenchuang Hu
    Zhenchuang Hu
comments powered by Disqus