Palazzi choc: un anno e tre mesi per Conte e Alessio

Caduta la possibilità di patteggiamento, il procuratore gela la Juve. Agnelli: "Giustizia Figc fuori da logica di diritto"

L'allenatore della Juventus Antonio Conte

L'allenatore della Juventus Antonio Conte

ROMA - Ci si aspettava un patteggiamento "al rialzo" rispetto ai 3 mesi più 200mila euro di ammenda dopo il secco "no" arrivato ieri dalla Disciplinare. Ma la nuova richiesta formulata oggi dal procuratore federale Palazzi nell'ambito del processo sul calcioscommesse ha lasciato tutti a bocca aperta: dai 90 giorni di ieri - in patteggiamento, lo ricordiamo - si è passati in 24 ore a un anno e tre mesi per l'allenatore della Juventus Antonio Conte e il suo vice Angelo Alessio. Caduta ogni possibilità di un nuovo accordo tra le parti, è giunta la richiesta di Palazzi. Ora è in corso l'arringa difensiva dell'avvocato di Conte, Antonio De Renzis.
La richiesta del procuratore ha contribuito a separare ancora di più la società di corso Galileo Ferraris e la giustizia sportiva, distanza già evidente ieri dopo la decisione della Juventus di adottare il silenzio stampa come risposta alla Disciplinare. "Constato - ha fatto sapere il presidente Andrea Agnelli - che la Figc e la sua giustizia sportiva continuano a operare fuori da ogni logica di diritto e di correttezza sostanziale".

Media
  • L'allenatore della Juventus Antonio Conte
    L'allenatore della Juventus Antonio...
comments powered by Disqus