Gualtieri: il Consiglio dice no alla scuola "del Duce"

Proposta giunta dal capogruppo Pdl Iotti, che voleva intitolare a Mussolini l'ex istituto di Pieve Saliceto

No alla "scuola del Duce"

No alla "scuola del Duce"

GUALTIERI (Reggio Emilia) - Il Consiglio comunale ha detto "no" alla proposta di intitolare la ristrutturata ex scuola della frazione di Pieve Saliceto al "maestro Benito Mussolini", che nel 1902 aveva insegnato in due classi elementari nel piccolo paese sul Po.
La proposta, avanzata un paio di settimane fa dal capogruppo Pdl, Giovanni Iotti, ha trovato la decisa contrarietà del sindaco Massimiliano Maestri e del gruppo di maggioranza di Centro Sinistra, oltre che del consigliere Fausto Fontanesi, del Pdl. Bocciata anche l'ipotesi dell'intitolazione "per attirare turismo a Gualtieri: questo comune non diventerà mai il paese del duce", ha risposto il sindaco.
"La mia proposta - aveva spiegato Iotti - non vuole essere affatto un'esaltazione del fascismo, ma più semplicemente un ricordo verso un maestro attivo e laborioso, pur se per un breve periodo, nella comunità locale di oltre cento anni fa". L'ex scuola di Pieve Saliceto, a pochi chilometri da Brescello (la terra guareschiana di Peppone e Don Camillo), è stata ristrutturata dal Comune come sala polivalente, seggi elettorali e sede Avis. Il Comune avrebbe voluto vendere la struttura, ma per le sue caratteristiche estetiche e il valore storico la Soprintendenza ha posto dei vincoli che, di fatto, hanno scoraggiato l'interessamento dei privati.

Media
  • No alla "scuola del Duce"
    No alla "scuola del Duce"
comments powered by Disqus