Idrocarburi ed esplosioni, nasce comitato di cittadini

Venerdì al via le indagini nel sottosuolo. Gli abitanti delle frazioni si mobilitano per presentare un esposto in Procura

Le operazioni di ricerca degli idrocarburi

Le operazioni di ricerca degli idrocarburi

SAN POLO (Reggio Emilia) – Le piccole esplosioni nel sottosuolo dei comuni di San Polo, Quattro Castella e Canossa stanno per iniziare: già da oggi i sondaggi commissionati da Edison ai tecnici di Geotec partiranno dall’abitato di Case Baratti, nel parmense, per poi spostarsi man mano in direzione dell’Enza, fino ad approdare venerdì nel territorio reggiano. La collina, intanto, è già punteggiata dai paletti bianchi e rossi sistemati dai tecnici nei giorni scorsi: le cariche esplosive verranno piazzate a ridosso di quelli rossi.  
Nonostante le rassicurazioni arrivate nei giorni scorsi, non tutti i cittadini delle frazioni stanno accogliendo di buon grado l’idea di queste indagini nel sottosuolo. Il fronte più agguerrito è a Borsea, dove – secondo quanto scrive “La Gazzetta di Reggio” sta per nascere un comitato contro le eventuali trivellazioni future. Il comitato sta per proporre una raccolta di firme, per poi presentare un esposto in Procura, con l’obiettivo di fermare le possibili future estrazioni di idrocarburi nel territorio. E non mancano le polemiche: “Il Comune? Lo abbiamo contattato e ci è stato risposto che sono state date tutte le informazioni necessarie tramite il sito internet – spiega Ivan Luppi, membro del comitato nascente - Noi però avremmo voluto essere avvertiti prima di queste operazioni”.

Media
  • Le operazioni di ricerca degli idrocarburi
    Le operazioni di ricerca degli...
comments powered by Disqus