Marin e il sesso olimpico: "A Londra mi darò da fare..."

L'ex della Pellegrini dice la sua in merito: "Sono single, avrò sette giorni da trascorrere lì..."

Il ragusano Luca Marin

Il ragusano Luca Marin

LONDRA - Non si sa se abbia scordato o meno Federica Pellegrini, ma di sicuro è pronto per le Olimpiadi che si apriranno con la cerimonia di venerdì sera. Per Luca Marin, al pari degli altri alteti impegnati il 28, si tratta di "togliersi subito il dente, ma è meglio così".
Dopo Atene e Pechino, per il nuotatore siculo questa è la terza Olimpiade. "Il mio primo obiettivo è quello di centrare la finale. Credo ci si possa riuscire con un tempo tra il 4'12" e il 4'13". Meglio un passo alla volta: prima pensiamo al 28 mattina, poi eventualmente al pomeriggio". Marin, che in passato ha avuto una relazione anche con la francese Manaudou, ha detto la sua su uno degli argomenti più gettonati tra gli sportivi, il sesso prima delle gare e, soprattutto, il sesso ai giochi olimpici. Se la Pellegrini ha "smentito" il suo attuale compagno, Filippo Magnini ("Non bisogna farlo? Ma che siamo matti..."), il ragusano si affida all'istinto: "Ognuno fa quello che pensa al momento. Si va a sensazioni, di certo il sesso non altera le prestazioni. Incide di più farsi troppi problemi mentali...". Dal Villaggio Olimpico alcuni atleti fanno sapere che il sesso non è certo un tabù: "Io sono single, avrò poi sette giorni da trascorrere lì. Ci daremo da fare...".

Media
  • Il ragusano Luca Marin
    Il ragusano Luca Marin
comments powered by Disqus