Che sforbiciata alle auto blu: in 6 mesi -20%

Grazie agli effetti del decreto sulla spending review. Il ministro Griffi: "Ancora tanto da fare, soprattutto al Sud"

E' in calo, finalmente, il numero di auto blu

E' in calo, finalmente, il numero di auto blu

ROMA - E' un capitolo importante del decreto sulla spending review voluta dal governo Monti. In soli 6 mesi il numero di auto blu presenti sul territorio italiano ha subìto una netta sforbiciata tanto da perdere quasi il 20% degli effettivi.
Attualmente, in circolazione ce ne sono meno di ottomila (7.837), 1.884 in meno rispetto all'insensata cifra di inizio anno. A questo riguardo è stato lo stesso ministro della Pubblica amministrazione e semplificazione Filippo Patroni Griffi ad esprimere soddisfazione per questo trend, ammonendo comunque a "fare di più" e preannunciando l'arrivo a breve di "nuove indicazioni per l'uso sempre più limitato delle auto di servizio, affinché sia chiaro a tutti che non si tratta di uno status symbol, ma solo di uno strumento per lavorare meglio".
Il ministro ha quindi ricordato che è in calo anche "il totale delle vetture pubbliche" con un parco auto che al 31 giugno è di 60.551 (comprese le 124 in uso a organi costituzionali). Quanto al quadro nazionale si continua ad assistere "a uno sbilanciamento della presenza percentuale delle auto con autista nelle regioni del Sud" con percentuali di auto blu sul totale del parco auto pubblico che oscillano dal 25,3 al 33,6% in Molise, Puglia, Calabria, Campania, Sicilia e Basilicata a fronte di percentuali, nel Nord, che vanno dal 2,5% dell'Emilia Romagna all'8,2% della Lombardia.

Media
  • E' in calo, finalmente, il numero di auto blu
    E' in calo, finalmente, il numero di...
comments powered by Disqus