Scritte offensive, altra denuncia per un 40enne di R60

E' ritenuto l'autore anche delle minacce contenute in frasi murali contro la Masini, Filippi, Maroni e CasaPound

REGGIO EMILIA - La Digos di Reggio ha denunciato ieri alla procura della Repubblica di Reggio Emilia un 40enne militante nel collettivo AutOrganizzato R60 perché ritenuto l'autore delle scritte murali dai contenuti offensivi e minacciosi nei confronti del presidente della Provincia di Reggio Emilia Sonia Masini, del consigliere regionale Fabio Filippi, del consigliere comunale Marco Eboli, dell'allora in carica ministro dell'Intemo, Roberto Maroni, e del coordinatore regionale del movimento politico CasaPound Ferdinando Raiola.
Una delle scritte di minaccia

Una delle scritte di minaccia


I fatti si sono verificati tra it mese di marzo e quello di dicembre del 2011. Si è arrivati all'identificazione dell'autore delle scritte grazie alla comparazione della grafia di altre frasi murali scritte dall'indagato, nella notte dello scorso 28 gennaio, contro il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il sindaco di Torino, Piero Fassino, il procuratore della Repubblica, Giancarlo Caselli, e il presidente della Repubblica bielorussa, Alexander Lukašenko. Per questi fatti il 40enne era già stato denunciato insieme a un suo complice.
L'indagato dovrà rispondere di oltraggio a un corpo politico, amministrativo o giudiziario, minacce gravi, imbrattamento e deturpamento di cose altrui.Sono in corso ulteriori indagini per accertare la responsabilità di altre persone che si sono rese responsabili di analoghi reati.

Media
  • Una delle scritte di minaccia
    Una delle scritte di minaccia
comments powered by Disqus