Agac Infrastrutture, Olivieri contro Bonaretti

Il grillino: "Da dipendente non può essere nominato presidente e prendere un compenso". Il Comune: tutto ok

Matteo Olivieri

Matteo Olivieri

REGGIO EMILIA - Il capogruppo di Reggio 5 Stelle, Matteo Olivieri, tuona contro la nomina del direttore generale del Comune, Mauro Bonaretti, ad amministratore unico di Agac infrastrutture (la società che detiene la proprietà delle reti idriche di Iren e a cui la multiutility paga l'affitto per l'utilizzo delle condutture). Secondo il politico grillino sarebbe avvenuta "in violazione della delibera 136, in quanto non è mai stato presentato ai capigruppo, all’inizio dell’anno, l’elenco degli enti, delle aziende e delle istituzioni in cui occorreva designare rappresentanti del Comune".
Continua Olivieri: "Se da un lato l’applicazione di quella delibera impedisce a dipendenti comunali di avere tali incarichi senza passare dalla Commissione consiliare di controllo e garanzia, e in tal caso di prestare l’opera a titolo gratuito (Bonaretti percepirebbe invece 9mila euro lordi per questo incarico), dall’altro il Comune di Reggio ha obiettato che la nomina non è del sindaco, ma dell’assemblea dei soci di Agac infrastrutture. Sull’argomento abbiamo richiesto la convocazione dell’apposita Commissione, quella di controllo e garanzia, che faccia luce su questo e su altri eventi".
Mauro Bonaretti direttore generale del Comune

Mauro Bonaretti direttore generale del Comune


Secondo Olivieri, però, il Comune detenendo la maggioranza assoluta di Agac infrastrutture "può fare il bello e cattivo tempo" e inoltre secondo lo statuto "spetta all’assemblea ordinaria nominare i membri dell’organo amministrativo e determinare il numero dei componenti ovvero nominare l’amministratore unico".
Conclude il grillino: "Da qualunque parte si rigiri la frittata, o il Comune di Reggio è stato decisivo ed indispensabile nella nomina di Bonaretti, quindi nella pratica la nomina era del sindaco, o andava comunque rispettata la delibera, secondo cui prima si passa dalla Commissione consiliare e poi non si prendono soldi.
A ciò aggiungiamo che, sempre in base alla Delibera 136: “Ogni anno il Sindaco presenta ai Capigruppo l’elenco degli Enti, Aziende ed Istituzioni di cui sopra nelle quali occorra designare rappresentanti del Comune". Questo elenco non è mai stato presentato. Le nomine fatte finora sono tutte irregolari? Crediamo che sia necessaria ed urgente la convocazione della Commissione di Controllo e Garanzia".

La replica del Comune
Relativamente alle affermazioni del capogruppo di “Reggio 5 Stelle” Matteo Olivieri, riguardanti la società Agac Infrastrutture spa, l’Amministrazione comunale di Reggio Emilia rimanda alla precedente nota del 1° luglio scorso ribadendo la propria correttezza. Il direttore generale del Comune di Reggio Emilia Mauro Bonaretti è stato nominato infatti Amministratore unico di Agac Infrastrutture dall’Assemblea dei Soci e non dal Comune di Reggio Emilia: non si tratta quindi dei casi previsti dalla delibera 136. Riguardo la situazione delle partecipate del Comune di Reggio Emilia, si rammenta che l’11 gennaio scorso è stato fatto il punto durante la IV Commissione consiliare ‘Affari generali’ convocata sulle norme in merito della Legge Finanziaria 2007, alla presenza dell'assessore al Patrimonio Uberto Spadoni e del segretario generale Domenico Rebuttato.  

Media
  • Matteo Olivieri
    Matteo Olivieri
  • Mauro Bonaretti direttore generale del Comune
    Mauro Bonaretti direttore generale del...
comments powered by Disqus