Spending review, le Rsu del Comune contro il governo

I sindacati valutano "con preoccupazione" il decreto dell'esecutivo ed "esprimono solidarietà ai lavoratori della Provincia"

REGGIO EMILIA - Le Rsu (Rappresentanze sindacali unitarie) del Comune di Reggio Emilia valutano con grande preoccupazione e forte contrarietà il recente DL 95/2012, emanato dal governo nell'ambito del piano di revisione della spesa pubblica".
Secondo i sindacati manca "una reale concertazione con le parti sociali in fase di elaborazione" e c'è una "visione pregiudizialmente negativa dei servizi pubblici e del pubblico impiego, visti essenzialmente come realtà da ridimensionare", si assiste inoltre a "tagli lineari agli organici e alle risorse della pubblica amministrazione, in quanto non fondati su una diretta analisi delle realtà su cui si interviene".
Mario Monti

Mario Monti


Le Rsu del Comune di Reggio Emilia auspicano "che il governo introduca finalmente nel proprio operare quegli elementi di equità sociale che – pur riconosciuti a parole – sono finora mancati, e accetti – nonostante le ripetute e non condivisibili dichiarazioni in senso contrario – un percorso di concertazione con le parti sociali, in grado di migliorare la coesione sociale nel Paese, anziché acuire i conflitti latenti" e "invitano gli organi politici di Comune, Provincia e Regione ad assumere posizioni chiare circa i provvedimenti del governo e le loro ricadute su enti locali e regioni".
Infine "esprimono piena e completa solidarietà ai lavoratori delle Province e degli altri Enti interessati, i cui posti di lavoro sono messi in discussione, chiedendo che nel merito vengano applicate rigorosamente le tutele stabilite per il lavoro pubblico dalla Costituzione, dalla legislazione ordinaria e dalla contrattazione collettiva".

Media
  • Mario Monti
    Mario Monti
comments powered by Disqus