Volley, a Reggio Emilia arriva Biribanti

L'opposto umbro ha vinto un Europeo e ha giocato 15 anni consecutivi in A1

Francesco Biribanti con la maglia della nazionale

Francesco Biribanti con la maglia della nazionale

REGGIO EMILIA – Ha vinto l’Europeo con la nazionale azzurra, ha giocato 15 anni consecutivi in serie A1 ed è stato il primo italiano a vincere il campionato iraniano: un curriculum di tutto rispetto, quello di Francesco Biribanti: da oggi il 36enne umbro è il nuovo opposto di Reggio Emilia, dopo gli innesti di Lawson e Groppi e le conferme di Barbareschi e Orduna.
E' un grandissimo colpo quello messo a segno da Paolo Buglione e Paride Lugli, perchè il “Biri” è uno dei grandi della pallavolo italiana, un giocatore che tra Treviso (dove ha vinto lo scudetto nella stagione 1995-96), Loreto (unico anno in A2), Fano, Ravenna, Palermo, Latina (5 anni splendidi, con il titolo di best scorer del campionato di A1 2002/2003), Verona, Corigliano, Cuneo e Modena (ultima stagione in Italia, nel 2009/2010), ha scritto pagine importantissime sui campi della massima serie.
“Non vedo l’ora di conoscere la mia nuova tifoseria – ha detto Biribanti - anche perchè so che le tigri giallonere sono davvero scatenate. Dovranno essere il settimo uomo in campo: io ho sempre cercato di instaurare un ottimo rapporto con i tifosi e sarà così anche con loro. Voglio dire loro che troveranno un giocatore che darà sempre il 100% e che non mollerà mai nulla”.
L’opposto umbro sarà così uno dei punti di forza della squadra nata dall’unione delle esperienze di Cavriago e Correggio. Il team reggiano giocerà in un campionato, quello di serie A2, a tredici squadre: il giudice di Lega ha accolto oggi il ricorso della Pallavolo Matera, società neopromossa che ha sanato la sua posizione versando un'idonea fideiussione bancaria come previsto dal regolamento. I lucani si aggiungono così agli altri 12 club già ammessi al torneo. 

Media
  • Francesco Biribanti con la maglia della nazionale
    Francesco Biribanti con la maglia della...
comments powered by Disqus