Concerti: il programma del 2012-2013

Al Valli 5 orchestre, 5 direttori di fama internazionale e solisti di eccezione

Zubin Mehta

Zubin Mehta

REGGIO EMILIA - La prima volta a Reggio Emilia di Zubin Mehta; cinque orchestre, cinque direttori di calibro internazionale e molti solisti di eccezione per una nuova Stagione di Concerti 2012-2013 della Fondazione I Teatri Reggio Emilia, che spazia dal barocco bachiano al Novecento di Šostakovic e Stravinskij, attraversando l’età Classica e Romantica, con sguardi su Beethoven, Mozart, Mahler, Prokof'ev. Dieci concerti al Teatro Municipale Romolo Valli tra novembre e maggio 2013.

Mahler Chamber Orchestra
Esordio con la Mahler Chamber Orchestra (14 novembre) con il norvegese Leif Ove Andsnes,direttore e pianista, con un programma che comprende Stravinskij, Concerto in re e Ottetto e Beethoven, Concerto per pianoforte e orchestra n.1 op.15 e Concerto per pianoforte e orchestra n.3 op.37.
Il New York Times ha descritto Leif Ove Andsnes, che condurrà un’orchestra Mahler Chamber ormai di casa al Teatro Valli, come “un pianista di straordinaria eleganza, potenza e sensibilità” mentre il Wall Street Journal lo ha definito “uno dei più talentuosi musicisti della sua generazione”.
Chamber Orchestra of Europe

Chamber Orchestra of Europe


Quartetto Hagen

I due concerti del Quartetto Hagen (20 novembre e 15 aprile) fanno parte di un progetto dedicato ai quartetti di Beethoven che comprende 3 concerti, due in questa stagione e uno nella successiva.Vincitore del prestigioso Premio Abbiati, l’Oscar italiano della critica, nel 2008 (anno in cui vinse anche il Fidelio prodotto dai Teatri di Reggio Emilia), quest’ensemble ormai leggendario conta trent’anni di carriera e oltre quaranta storiche incisioni. Ritorna a Reggio Emilia (12 dicembre), dove già è stato altre volte, la prima delle quali 25 anni fa, Grigory Sokolov, salito stabilmente alla ribalta internazionale con alcuni memorabili concerti, come la sua esecuzione del terzo concerto di Rachmaninov a Londra nel 1995 considerato senza dubbio uno dei maggiori pianisti viventi. 

Alexander Melnikov e Andreas Staier
Alexander Melnikov e Andreas Staier, due interpreti di strumenti a tastiera (13 gennaio) per “Šostakovic e Bach in conversazione”. Preludi e Fughe dall’op. 87 di Šostakovi e dal Clavicembalo ben temperato di Johann Sebastian Bach.
Staier pianista, clavicembalista e fortepianista, la cui maestria è prevalentemente versata alle interpretazioni della musica barocca e classica; Melnikov pianista con affermazioni internazionali in prestigiosi concorsi sin dall’età di sedici anni quando ottenne il primo premio al concorso Robert Schumann di Zwickau, prima di ripetersi al Reine Elisabeth di Bruxelles.
Grigory Sokolov

Grigory Sokolov


Stuttgarter Kammerorchester
Dopo il trionfante debutto a Parigi nel 1949 come prima orchestra tedesca che si esibì in concerto dopo la guerra, il successo della Stuttgarter Kammerorchester negli ultimi 50 anni fu ed è dimostrato tutt’ora dai frequenti inviti nelle prestigiose sale da concerto di tutto il mondo. A Reggio Emilia (1 febbraio) sarà diretta da Wolfram Christ, prima viola dei Berliner Philarmoniker, che negli ultimi anni ha intrapreso la carriera di direttore, per un programma che comprende Mozart, Bach, Mendelssohn e Brahms. 

Viktoria Mullova e Ottavio Dantone
Sono due ritorni, quelli di Viktoria Mullova, violinista e di Ottavio Dantone, clavicembalo (1 marzo) che affronteranno un programma di musiche bachiane, così come la storica Münchener Bach Orchester, fondata nel 1954 da Karl Richter, con il Münchener Bach Chor, diretti da Hansjörg Albrecht affronteranno la Passione secondo Matteo.

Zubin Mehta e l’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino

Il fortunato sodalizio artistico tra Zubin Mehta e l’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino ha messo salde radici negli anni.  Lo straordinario musicista, un’eccezionale carriera documentata nell’autobiografia La partitura della mia vita, direttore onorario dei Wiener Philharmoniker dal 2001, dei Münchner Philharmoniker dal 2004 e della Los Angeles Philharmonic dal 2006, ha guidato la formazione fiorentina in una serie di tournée superbe negli ultimi tempi, dalle esibizioni in Giappone ai concerti sostenuti in Francia, Lussemburgo, Spagna e Germania. A Reggio Emilia approda per la prima volta (16 aprile) un programma ancora parzialmente in definizione, ma che comprenderà la Sinfonia n. 1 in re maggiore 'Titano' di Mahler.

Chamber Orchestra of Europe

Chiude il ritorno della Chamber Orchestra of Europe (13 maggio), con il violino di Lisa Batiashvili, diretti da Semyon Bychjkov per un programma che va da Strauss e Prokof'ev a Mozart. Già orchestra residente di Ferrara Musica dal 1989 al 1998, La Chamber Orchestra of Europe, formata da musicisti provenienti da tutta Europa, ha festeggiato lo scorso anno i suoi trent’anni di attività come una delle più importanti orchestre del panorama musicale internazionale.

Media
  • Zubin Mehta
    Zubin Mehta
  • Chamber Orchestra of Europe
    Chamber Orchestra of Europe
  • Grigory Sokolov
    Grigory Sokolov
comments powered by Disqus