Benzina, ora è scoppiata la "guerra" degli sconti

Dopo il taglio dei prezzi annunciato da Eni si sono mossi anche i competitor. Occhi puntati sul prossimo week end

ROMA - Nel fine settimana è scoppiata la guerra degli sconti dei carburanti. Ha iniziato Eni con Iperself (benzina e diesel rispettivamente a 1,6 e 1,5 euro su tremila punti vendita da sabato alle 13 alla mezzanotte della domenica) e ha continuato Esso (almeno - 21 cent euro/litro rispetto al prezzo provinciale consigliato servito, sabato alle 13 fino all'apertura di lunedì) con Selfpiù e Q8 con Q8easy (che annuncia uno sconto persino superiore per entità e durata).
Secondo il monitoraggio di Quotidiano Energia, l'iniziativa è partita in maniera diffusa ed efficace sui punti vendita Q8, sia a marchio Q8easy sia su alcuni impianti tradizionali, e fin dal primo mattino di sabato, battendo sul tempo Eni e con prezzi più bassi del market leader a 1,495 e 1,595 euro/litro per benzina e diesel sulla linea easy e 1,500 e 1,600 su quella tradizionale. Subito code agli impianti Q8 (interessati qualche centinaio).
Per quel che riguarda Esso i prezzi minimi della benzina sono stati a 1,595 euro/litro e 1,495 per il diesel (anche in questo caso alcune centinaia di impianti). All'ora di pranzo di sabato, invece, alla chiusura degli impianti tradizionali, Eni ha mostrato il nuovo listino a 1,5 euro per il diesel e 1,6 euro per la benzina.
Il risultato è andato avantaggio dei consumatori, che hanno fatto il pieno a prezzi ridotti. E la prossima settimana arriveranno nuove contromosse dal mercato.

Media
comments powered by Disqus